blog, Stili di vita a 5 stelle

M5S: “Power Crop, la Regione non può dare il via libera ai lavori”. Martedì 24 manifestazione a Pescara.

No_Powercrop

Immagine1

In occasione della “Conferenza di Servizi”, di martedì 24 marzo, indetta dalla Regione Abruzzo per il rilascio delle autorizzazioni necessarie alla realizzazione della mega centrale Power Crop, i gruppi marsicani del Movimento 5 Stelle saranno a Pescara per manifestare, con le associazioni e i comitati, al di fuori degli uffici della Regione, in via Passolanciano 75 a partire dalle ore 10:00. L’invito rivolto a tutti i cittadini marsicani è alla più ampia mobilitazione possibile in difesa della propria terra.
Per il M5S, infatti, la Regione Abruzzo non può dare il via libera ai lavori di realizzazione della centrale quando: 1) sussistono concreti dubbi sulla correttezza delle valutazioni ad oggi assunte dalla Regione in ordine all’impatto della centrale sul territorio fucense; 2) il progetto prevede la realizzazione di una centrale che non è mai stata approvata a livello ministeriale; 3) i cittadini marsicani hanno chiaramente dimostrato di volere un futuro diverso per se stessi e per la propria terra e non possono essere ignorati.
Nello specifico, la valutazione favorevole circa l’impatto ambientale dell’impianto, rilasciata dalla Regione Abruzzo, uno degli atti fondamentali per la realizzazione della centrale e vincolante per la stessa “Conferenza dei Servizi”, mostra concreti dubbi di illegittimità, al punto da essere oggetto di due ricorsi al TAR promossi dalle Amministrazioni di Luco ed Avezzano, dai cittadini del Comitato e dalle associazioni di categoria ed ambientaliste.
In secondo luogo, il progetto presenta mancanze che da sempre il M5S evidenzia, insieme ai cittadini, ed emerse anche nell’incontro tenutosi presso la Prefettura di L’Aquila il 19 marzo. Dall’iniziale accordo, che prevedeva una centrale ortofrutticola per la trasformazione dei prodotti del territorio, si è passati a una enorme centrale a biomasse tenuta economicamente in piedi solo grazie agli incentivi statali, recuperati dalle bollette delle famiglie italiane.
Inoltre, il prossimo 7 luglio, la Corte Costituzionale sarà chiamata a pronunciarsi proprio sulla questione Power Crop e sulla nomina del commissario ad acta per la riconversione. Ricorso, questo, nato dal lavoro del gruppo avezzanese del Movimento 5 Stelle e discussa in Regione dal Consigliere Ranieri.
Ci auguriamo che il Presidente D’Alfonso e l’Assessore Pepe, in una simile condizione, dimostrino serietà, prudenza e responsabilità, dando seguito alle affermazioni rilasciate in questo periodo e adottando ogni iniziativa necessaria affinchè la Regione assuma una netta e definitiva posizione di contrarietà nei confronti del progetto Power Crop e di qualsiasi ulteriore progetto che abbia le stesse caratteristiche di insostenibilità, cominciando proprio dalla prossima Conferenza dei Servizi. In gioco non c’è solo il destino della Marsica, bensì quello dell’intera Regione, visti i numeri delle imprese agricole operanti nel Fucino, le quale costituiscono quasi un terzo del PIL agricolo regionale.
Infine, siamo lieti di apprendere che la Provincia, per il tramite del Presidente Del Corvo, abbia ritirato la propria adesione al progetto. Vorremmo però far notare al Presidente che sono anni che si parla solo e prevalentemente di centrale a biomasse, il fatto che se ne accorga solo ora è un dato preoccupante. La Marsica non può permettersi una classe politica così distratta.

I gruppi del M5S della Marsica

Post correlati